';
banner blockchain mark nelle arti
polline mobile

Assolutamente no. Polline tratta i file esclusivamente per calcolarne l’ “impronta” da depositare in blockchain ed esportarne una miniatura da apporre nel certificato.  Dopodiché provvede all’eliminazione di ogni traccia.

Il Blockchain è un libro contabile aperto, pubblico, permanente e immutabile sul quale si basa l’intera rete Bitcoin, la famosa cryptovaluta. Sul registro le informazioni vengono registrate in forma cifrata, validate dalla firma digitale di chi ha originato la transazione e depositate su tutti i computer che decidono di diventare nodi del sistema. In questo modo l’identità di chi ha generato una transazione è pubblica, mentre non lo è la natura delle transazione ed è impossibile mutarne i dati. Importanti colossi finanziari come Goldman Sachs e Barclays, JP Morgan, State Street, UBS, Royal Bank of Scotland, Credit Suisse, BBVA e Commonwealth Bank of Australia stanno investendo in questa tecnologia proprio per la capacità di garantire la tracciabilità e la verifica postuma di dati online.

Il costo del servizio è tutto compreso e non prevede alcun pagamento mensile, né annuale.